Malattia e infortunio delle collaboratrici domestiche: come comportarsi

Malattia e infortunio delle collaboratrici domestiche: come comportarsi

collaboratrici domestiche

Vediamo in quest’approfondimento cosa fare in caso di malattia o di infortunio sul lavoro delle colf o delle badanti. Nel caso di malattia, le collaboratrici domestiche devono avvertire tempestivamente il datore di lavoro. Per le collaboratrici domestiche che convivono con la famiglia di cui si prendono cura, non è necessario inviare il certificato medico, eccezion fatta per la richiesta diretta del datore di lavoro stesso. È invece obbligatorio il certificato medico per le collaboratrici domestiche conviventi quando la malattia sopraggiunge durante le ferie. La conservazione del posto spetta alla collaboratrice domestica a seconda dell’anzianità. Il quadro è il seguente:

  • 10 giorni se l’anzianità è pari a 6 mesi;
  • 45 giorni se l’anzianità è compresa tra i 6 mesi e i 2 anni;
  • 180 giorni se l’anzianità supera i 2 anni.

Le collaboratrici domestiche che si assentano dal lavoro causa malattia, non hanno diritto a indennità di alcun genere da parte dell’INPS, ma è il datore di lavoro che garantisce il pagamento della retribuzione. Quest’ultima sarà pari al 50% fino al terzo giorno consecutivo e al 100% dal quarto giorno in poi. Anche in questo caso si distingue in base all’anzianità, per cui la retribuzione sarà garantita fino a un massimo di:

  • 8 giorni per anzianità fino a 6 mesi;
  • 10 giorni per anzianità compresa tra 6 mesi e 2 anni;
  • 15 giorni per anzianità superiore a 2 anni.

Nel caso in cui l’assenza dipenda da un infortunio, il datore di lavoro deve essere avvisato in modo tempestivo con un certificato medico che indica il periodo di impedimento al lavoro. Nel caso in cui l’infortunio sia avvenuto sul lavoro spettano varie prestazioni, erogate dall’Inal – Istituto nazionale per l’assicurazione infortuni sul lavoro. Nel dettaglio, le prestazioni sono le seguenti:

  • Indennità giornaliera per l’inabilità temporanea;
  • Rendita per l’inabilità permanente;
  • Assegno per assistenza personale continuativa;
  • Copertura delle cure mediche;
  • Copertura delle cure chirurgiche;
  • Copertura degli accertamenti clinici;
  • Rendita ai superstiti e un assegno in caso di morte;
  • Fornitura degli apparecchi di protesi.

La collaboratrice domestica beneficerà dell’assicurazione Inail solo se il datore di lavoro avrà denunciato l’infortunio nei termini che seguono e che decorrono dal momento dell’accertamento dell’infortunio, quando quindi il lavoratore ha consegnato il certificato medico. Nel dettaglio:

  • Entro 24 ore con telegramma nel caso di infortuni mortali o presunti;
  • Entro 2 giorni dall’accertamento nel caso di infortuni con prognosi superiore ai 3 giorni;
  • Entro 2 giorni a partire dal 4 nel caso di infortuni con prognosi inferiore ai 3 giorni, ma non guariti.

Va specificato che la denuncia deve essere eseguita utilizzando l’apposito modulo di distribuzione presente negli uffici Inail, allegando ad esso il certificato medico. Un’altra denuncia deve essere indirizzata all’autorità di Pubblica sicurezza entro due giorni dall’infortunio. Qualora il datore di lavoro non effettui la denuncia entro i termini indicati, sono previste alcune sanzioni.

La conservazione del posto di lavoro

Così come per la malattia, anche nel caso di infortunio alla collaboratrice domestica, convivente o non convivente, spetta la conservazione del posto a seconda dell’anzianità:

  • 10 giorni se l’anzianità è pari a 6 mesi;
  • 45 giorni se l’anzianità è compresa tra i 6 mesi e i 2 anni;
  • 180 giorni se l’anzianità supera i 2 anni.

Dal momento che le prestazioni economiche dell’Inail iniziano dal quarto giorno, il datore di lavoro della collaboratrice domestica infortunata sul lavoro dovrà corrispondere la retribuzione completa solo per i primi tre giorni.

Per maggiori informazioni qui puoi consultare online o scaricare il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Domestico. Se cerchi una badante o una colf o desideri una consulenza dettagliata su questi argomenti, contattaci e ti forniremo assistenza qualificata.